Benvenuto, serve aiuto? Clicca qui Benvenuto! Registrati oppure
Accedi attraverso il Gustanetwork

Via Statale 12, 185, Villafranca, MO
Valutazione:
Consigliatissimo!!
Prezzo a persona:
22.50 €
Servizio utilizzato:
ristorante
Contesto:
 
Pranzo della domenica
Commenti:
(8) vai ai commenti

scanna

ha visitato il locale il 25/02/2018 scanna avatar
10 Recensioni scritte dal 25/07/2009 1040 Punti

Essendo il responsabile della proposta di fare tappa qui per il Palio della Tagliatella mi sono sentito in dovere di andare a conoscere il locale. Non ero mai stato qui, anche se ne sento parlare da molti(ssimi) anni.

Domenica, ora di pranzo, con mia figlia Amanda (gli altri membri della famiglia continuano a preferire la cucina di casa), sfidiamo la buriana e ci presentiamo dalla Cesarina.

Il nome viene dalla vecchia rezdora fondatrice di questa storica trattoria.

Oggi la gestione è in mano alla figlia Luciana, che in cucina continua la tradizione di famiglia, con il marito Franco, ottimo padrone di casa che ci accoglie e ci fa accomodare al nostro tavolo, che avevamo provvidenzialmente prenotato.

Il locale non è molto grande: una piccola sala all'ingresso, di fronte al banco bar, e una seconda sala lunga e stretta, che confina con l'ingresso della cucina.

Sui muri disegni che raffigurano l'urbanistica della Mirandola dei Pico e foto della civiltà contadina della bassa modenese.

Il tavolo è apparecchiato con un bicchiere per l' acqua e un calice per il vino, tovagliolo di stoffa, due forchette, coltello e cucchiaio, che ci suggerisce fin da subito che tra le proposte troveremo anche i tortellini in brodo.

La gentile ed efficiente cameriera ci elenca il menù a voce. Non è difficile da ricordare in quanto è l'elenco fedele di tutti i primi piatti più tradizionali di questa zona: tagliatelle, maccheroni al pettine, tortelloni di ricotta e spinaci, tortelloni di zucca, lasagne al forno e tortellini in brodo (credo ci fosse anche un risotto ma non ho memorizzato con cosa fosse condito).

I tavoli mi sembrano corretamente distanziati, e non essendoci lunghe tavolate, la mobilità mi sembra ottimale. Forse la nostra prossima visita, con annessa lunga tavolata, porterà la gestione a ingabbiare qualcuno dando ragione alla teoria di Norby e di Delfo. Vedremo.

Partiamo con un assaggio di tortellini in brodo per entrambi, Poi Amanda sceglie i tortelloni di ricotta e spinaci conditi con burro e salvia mentre io mi butto sui maccheroni al pettine col ragù. Da bere un buon Sorbara dell'Azienda Agricola Garuti.

Devo dire che eravamo molto tentati anche dalle lasagne, che da quel che ho visto avevano un aspetto molto invitante, ma abbiamo rinunciato perchè le avevamo mangiate a casa pochi giorni prima.

Dimensioni e forme diverse di ogni pezzo testimoniano che la pasta è sicuramente fatta in casa.

Molto buoni sia i tortellini che il brodo. Ad Amanda sono piaciuti molto anche i tortelloni. io ho molto apprezzato i maccheroni al pettine che ormai si trovano sempre meno nelle nostre trattorie perchè la loro preparazione richiede tempi più lunghi rispetto ad altri tipi di pasta.

La proposta dei secondi è limitata ad alcuni tipi di arrosto: pollo ripieno, coniglio, faraona, maiale.

Anche a casa mia, quando c'era la nonna che cucinava, il pranzo della domenica era proprio questo: un primo piatto della tradizione e un arrosto. (solo in periodo di pcaria l'arrosto veniva sostituito, o affiancato, dal cotechino col purè)

Dividiamo una porzione di faraona con patate arrosto. tutto ottimo.

Del lungo elenco di dolci mi restano nella memoria solo la zuppa inglese e la torta di tagliatelle (ne sarà felice Vejo), che sono la nostra scelta. Sia io che Amanda abbiamo molto apprezzato.

Chiudiamo con un buon caffè Pelè, piccola ed ottima torrefazione di Medolla.

Concludo dicendo che qui ho ritrovato il vecchio pranzo della domenica che ormai anch'io avevo perso di vista "inquinandolo" spesso con piatti meno tradizionali. Un piacevole ritorno ai pranzi festivi in famiglia a casa della nonna, che era una grandissima cuoca.

Le emozioni mi porterebbero ad assegnare i 5 cappelli ma, si sa, la nonna è sempre la nonna e credo che 4 cappelli siano il giusto.

Consigliatissimo!!

permalink a questo commento

[lukeforever]
04/03/2018
Interessante mi intrigano molto questi posti semi sconosciuti che mantengono le tradizioni culinarie locali. Villafranca l’ho sentita nominare ma mai stato.
permalink a questo commento

[maurig]
04/03/2018
bene, bene, bene,non ci faremo trovare impreparati....emoticon
permalink a questo commento

[joy]
04/03/2018
Interessante, io sarei stato tentato dai tortelli di zucca ! emoticon
permalink a questo commento

[joy]
04/03/2018
Quand'è di turno qui il tagliatella tour e a Rovinella? Grazie.
permalink a questo commento

[testapelata]
04/03/2018
se ricordo bene:

Trattoria Cesarina domenica 8 aprile ore 13

Valle Montanara Rovinella Montecreto sabato 7 luglio ore 13
permalink a questo commento

[scanna]
04/03/2018
Lukeforever,
neanch'io ero consapevole di trovarmi a Villafranca, sebbene frequento quei posti tutti i giorni. Di fatto siamo sulla statale 12 (canaletto) a poche centinaia di metri dalla Cappelletta del Duca in direzione nord. Se conosci il Ristorente La Cantina puoi parcheggiare lì e sei arrivato.
Joy, in effetti i tortelloni di zucca erano un'opzione che avevo considerato ma quando ho visto passare i tortellini in brodo non ho resistito. Sono sicuro che se ci fosse stato mio figlio Brando non avrebbe avuto questo dubbio emoticon
Per quanto riguarda la data dell'appuntamento, qualunque essa sia, non potrai avere nessuna scusa. Se non ti presenti ti vengo a prendere personamelte a casa tua emoticonemoticonemoticon
permalink a questo commento

[norby]
05/03/2018
Bene Scanna,non ricordo la data,debbo vedere gli appunti,ma non è certo un problema. Sarei stato curioso se tu avessi provato le tagliatelle,ma probabilmente ti sei voluto riservare la sorpresa X il,palio. Dalla tua rece sembra un bel,posto,ne sono sicuro. Ciao e a presto!!!emoticonemoticon
permalink a questo commento

[scanna]
05/03/2018
Norby, come avrai immaginato non è un caso che io non abbia voluto provare le tagliatelle. Sono andato lì a pranzo perchè ero curioso di vedere com'è il posto e, tutto sommato mi è sembrato in linea con gli altri locali che abbiamo provato fino ad ora.
Le tagliatelle le assaggeremo insieme l'8 aprile. Ho già messo in preallarme Franco anticipandogli la tua telefonata per la prenotazione senza espormi su data e numero dei commensali. La sua unica raccomandazione è stata di avvisare con un buon anticipo perchè loro di domenica a pranzo hanno sempre il tutto esaurito.