Gustamodena.it - Trova e Gusta ristoranti a Modena e provincia
Benvenuto, serve aiuto? Clicca qui Benvenuto! Registrati oppure
Accedi attraverso il GustanetworkAccedi col tuo account Facebook

Via Ca' de Barozzi, 12, Vignola, MO
Valutazione:
Consigliatissimo!!
Prezzo a persona:
22.50 €
Servizio utilizzato:
ristorante
Contesto:
 
pranzo in famiglia
Commenti:
(0) vai ai commenti

golosona

ha visitato il locale il 03/01/2017 golosona avatar
531 Recensioni scritte dal 11/08/2008 2259 Punti

Mio fratello e la sua compagna sono venuti a trovarmi per le festività natalizie. Tra un giretto e l’altro ci fermiamo al bel castello di Vignola, che non hanno mai visto e che merita una visita! Per pranzo scegliamo, previa prenotazione (necessaria visto il pienone!) una trattoria di cui dei conoscenti mi hanno parlato bene a proposito di borlenghi, gnocco e tigelle. E visto che voglio proprio far assaggiare ai due "forestieri" gnocco, tigelle e, a loro del tutto sconosciuti, i borlenghi, la scelta cade sulla trattoria Campagnola, un po’ perché è in zona e un po’ perché fa sempre i borlenghi e li fa bene, pare.

Io non c’ero mai stata ma mi fido... e infatti mi sono (anzi, ci siamo) trovata molto bene!

L’aspetto esterno è molto semplice, altrettanto l’interno, suddiviso in due salette piccole e affollate: tavoli vicinissimi e un po’ troppa confusione. Nonostante questo, il personale è attento e gentile e il servizio rapido ed efficiente.

Ordiniamo un primo piatto a testa, un borlengo a testa (versione classica, volendo li fanno anche con la nutella), gnocco e tigelle con un vassoio grande di salumi. Da bere, un’ acqua frizzante e mezzo litro di vino rosso della casa.

Come dicevo, il servizio è rapido e cortese. Subito arrivano i borlenghi: croccanti come piacciono a me, ben conditi e saporitissimi, davvero ben fatti!

Buoni anche i primi: tagliatelle al ragù, poco unte, maltagliati coi fagioli, pappardelle con ragù di selvaggina e tortellini alla panna. Io assaggio tagliatelle e maltagliati e li trovo buoni, anche se non eccezionali.

Poi mangiamo le tigelle e “il” gnocco, in tutto 20 pezzi (anche qui, purtroppo, si va a numero, cosa che non mi piace, comunque volendo si può far rimpolpare il cestino, cosa che non faremo in quanto troppo sazi!): basse ma non secche anzi abbastanza morbide per essere “di pianura” le prime; gonfio e buono anche se un po’ unto il secondo, il tutto insieme al salume (buono il prosciutto crudo, ma sono stati graditi anche coppa e salame) e a un ottimo pesto pancettato, dal bel colore rosa e dal sapore intenso e gradevole.

Per quanto sazi concludiamo con il dolce: tre mascarponi (buoni, serviti in un barattolo di vetro e con un pezzettino di torta barozzi) e un sorbetto al lambrusco (in pratica una sorta di granita di vino!). Per finire, due caffè e un bicchiere di sambuca e un conto, direi buono, di 90,3 euro (nessun arrotondamento, però).

Come dicevo, siamo stati bene e i miei parenti hanno apprezzato la cucina emiliana e in particolare gnocco, tigelle e borlenghi.emoticon

Consigliatissimo!!