Gustamodena.it - Trova e Gusta ristoranti a Modena e provincia
Benvenuto, serve aiuto? Clicca qui Benvenuto! Registrati oppure
Accedi attraverso il GustanetworkAccedi col tuo account Facebook

Amatriciana

Scritta il: Difficolta: Intermedio Tempo: 40' un po' meno se cuocete la pasta in contemporanea al sugo

Ingredienti

per 4 persone:
320 g di penne rigate (va bene qualsiasi tipo di pasta, ma io preferisco quella corta)
150 g di guanciale tagliato a listarelle(guanciale , mi raccomando, non pancetta affumicata o dadini di pancetta)
3 cucchiaio d'olio
un pizzico di sale
un micropizzico di zucchero
500 g di pomodori pelati o di passata "anonima" di pomodoro
80 g di pecorino gratugiato (va benissimo anche il parmigianoreggiano anche se il piatto risulterà meno "sapido")

se arrivate a 200 g di guanciale e 100 g di pecorino il piatto ne potrà solo guadagnare in sapore !!!!!!!!!!

Procedimento

Tagliamo il guanciale a fette sottile e a listarelle le fette , solo così potremo godere della delicatezza di questo "salume" : se non avete il guanciale fatevelo tagliare dal salumiere .
Mettiamo in una padella (tipo saltapasta) l'olio e facciamoci soffriggere il guanciale , una cosa veloce non arrostitelo , solo per sciogliere un po' il grasso .
A questo punto versateci i pomodori pelati che nel frattempo avrete reso "passata" utilizzando un mixer ad immersione (se siete bravi potete usare la mezzaluna o il passaverdure , se siete "interdetti" va benissimo una passata "anonima") .
Ora, a fuoco lento, fate cuocere il sugo per 15 minuti , il tempo giusto perchè l'acqua dei pomodori evapori e non dimenticate un pizzico di sale e lo zucchero per togliere un po' di acidità al pomodoro.
Nel frattempo cuocete al dente (mi raccomando al dente, non fate la colla che non è vero che è più digeribile)la pasta in abbondante acqua bollente salata (e ci mancherebbe che la usassimo senza sale) .
Gratugiate il formaggio che avete scelto (a mio modesto avviso usando il pecorino romano sarete "più vicini" a quello che è la ricetta originale).
Ed ora le operazioni fondamentali che fanno di questa "amatriciana" un'opera d'arte:
scolate la pasta
buttatela nel sugo (si, proprio nella padella salatapasta)
rigiratela per farle "prendere il condimento"
aggiungete il formaggio gratugiato
ultima girata
portate in tavola e buon appetito.
Scusate l'enfasi , scusate la "non modenesità" della ricetta , ma questo , assieme alla carbonara , è il condimento per la pasta che preferisco e che ............... per nulla modestamente mi ha permesso di competere con rinomati chef in lunghe serate davanti ai fornelli.

[furzeina]
2013-05-30
Hai evitato l'utilizzo del peperoncino...mia nonna materna era di Priverno e ce lo metteva sempre.Credo che il peperoncino sia uno degli ingredienti che non deve mancare nella ricetta classica.
Ovvio che per chi non ama il piccantino...emoticon

[testapelata]
2013-05-30
vero, basterebbe metterlo e toglierlo (io non lo amo in maniera particolare); in realtà occorrerebbe anche il pepe, ma già quello che c'è nel guanciale lo reputo sufficente .